giovedì 13 novembre 2014

Lost in Cover #5

Buon giovedì booklovers!
Ritorna Lost in Cover, una delle mie rubriche preferite!
Quali tra queste copertine vi piacciono di più? 
Io sono rimasta subito catturata da quella del romanzo di Roddy Doyle, ma anche quella di The retribution of Mara Dyer è davvero bellissima. Tra le mie preferite rientra anche quella della versione US di La misura della felicità, che qualche giorno fa Elena ha recensito per voi in questo post.
E voi invece, quali preferite?
Rubrica in cui vi mostro le cover che mi piacciono di più dei romanzi, italiani e non.
L'ispirazione per Lost in Cover mi è venuta seguendo il blog Atelier dei Libri e la rubrica Cover Love.

martedì 11 novembre 2014

TOP TEN TUESDAY - Personaggi che dovrebbero avere un proprio libro

Pronti per una nuova classifica? 
Quella di oggi è dedicata ai dieci personaggi che vorrei avessero un romanzo tutto loro.
Rubrica ideata dal blog The Broke and The Bookish
1. Il primo personaggio appartiene alla saga di Harry Potter ed è Draco Malfoy. Da piccola odiavo Draco ma, proseguendo con la lettura dei romanzi, ha iniziato a piacermi. Sarebbe bello rivivere alcune parti della storia dal suo punto di vista, magari concentrandola in un solo romanzo. 
2. Alaska, di Cercado Alaska (John Green). Non sono mai riuscita a capire fino in fondo questo personaggio, mi piacerebbe che avesse un romanzo tutto suo, in cui ci racconta la sua storia personale. Poi diciamocelo, di Green leggerei anche la lista della spesa!
3. Alison DiLaurentis, dei romanzi Giovani Carine e Bugiarde di Sara Shperad. Molti di voi conosceranno l'odiosa Alison grazie alla serie TV Pretty Little Liars e sapranno quindi che questo personaggio è misterioso, crudele ma... affascinante! Quando vorrei leggere tutta la storia dal suo POV!
4. Newt, della saga di Maze Runner (QUI la mia recensione su Il Labirinto). Fin dai primi capitoli ho capito che lo avrei amato!
5. Max Vanderburg di Storia di una ladra di libri (Markus Zusak). Voglio assolutamente sapere tutto di lui!
6. Perry di Never Sky - Sotto un cielo selvaggio. Ho amato alla follia questo romanzo! Vorrei un romanzo su Perry... ma più di ogni altra cosa vorrei che la Sonzogno non avesse interrotto la pubblicazione della trilogia!
7. Jem Carstairs di Shadowhunters - Le Origini (The Infernal Devices). Servono spiegazioni?
8. Adrian della serie L'accademia dei Vampiri, scritta da Richelle Mead. Ok ho barato, perchè esiste uno spin-off della serie con Adrian come protagonista maschile. Ma in Italia non è stato pubblicato e io vorrei davvero tantissimo che la Rizzoli prendesse in considerazione l'idea!  
9. Torniamo a parlare della Rowling e della saga di Harry Potter... ma chi non vorrebbe leggere un romanzo dal punto di vista di Lord Voldemort?
10. Gale di Hunger Games. Non me ne vogliano le fan di Peeta, ma... lui sì che ha carattere, al contrario del fornaio! E la Collins è stata troppo crudele con lui!

lunedì 10 novembre 2014

L'angolo di una fangirl #5 - La misura della felicità

 
 
Ama leggere, guardare serie tv, film inglesi e made in USA.
Impazzisce per la Marvel, per Doctor Who e Once Upon a Time. 
Potterhead. Demigod. Tribute. Shadowhunter. Divergent.
 
Ciao Booklovers!
Perchè non iniziare la settimana con una puntata della rubrica L'angolo di una fangirl? Ho rubato l'account di Cate e ho preparato questo post per parlarvi di un romanzo che ho terminato di leggere qualche giorno fa: La misura della felicità, di Gabrielle Zevin.
Non fermatevi alle 3 stelline del giudizio, il romanzo mi è piaciuto, e lo consiglio ad ogni persona che ama i libri e che trova in loro un porto sicuro.
 
Voi lo avete letto? Cosa ne pensate?
 

C'è un'insegna sopra il portico della libreria Island Books

NESSUN UOMO È UN'ISOLA;
OGNI LIBRO È UN MONDO


A. J. Fikry, il libraio che odiava i libri, sta per scoprire cosa significa…

La vita di A. J. Fikry, libraio di Island books, cambierà inaspettatamente dall’arrivo di Maya, una bambina abbandonata all’interno della libreria da una madre disperata. L’uomo deciderà di adottarla aprendo così il suo cuore ad nuovo amore, dopo la morte della moglie, dando alla sua vita una seconda possibilità. 

“Che differenza c’è tra un libro e l’altro? Sono diversi perché lo sono. Bisogna leggerne molti, bisogna crederci, bisogna accettare che ti deludano, perché qualcuno, di tanto in tanto, ti possa entusiasmare”

La misura della felicità è stato per me come una ventata d’aria fresca. Si tratta  un romanzo molto scorrevole e appassionante, tuttavia... c’è qualcosa che manca! Personalmente, non sono riuscita in maniera particolare ad entrare in sintonia con i personaggi e, forse, mi aspettavo qualcosa di più.
A conti fatti, però, l’ho trovato travolgente. Una delle cose che ho adorato di più sono i riferimenti letterari a qualsiasi genere di libri, da Moby Dick di Herman Melville  alle Cronache di narnia di Lewis. Vogliamo parlare poi dei riferimenti a True Blood? Io lo adoro!

“Ho sempre desiderato assaggiare le Lokum di Narnia. Quando ho letto Il leone la strega e l’armadio, da piccolo, ho pensato che quel lokum doveva essere davvero squisito se aveva spinto Edmund a tradire la sua famiglia. Devo averlo detto a mia moglie,perché, una volta, Nic me ne ha regalato una scatola per Natale. E dentro c’era questo dolciume gommoso, coperto di una cosa che sembrava polvere. Penso di non essere mai stato deluso tanto in tutta la mia vita”

Il personaggio di A.J. Fikry sarà anche un uomo scontroso, ma sicuramente con le sue battute sa come fare divertire il lettore!
Leggendo questo romanzo mi sono divertita, appassionata, incuriosita e commossa
Lo consiglio a tutti coloro che sono follemente appassionati di libri. 
È un libro ironico e scorrevole, adatto a chi cerca una lettura poco impegnativa, ma allo stesso tempo colma di emozioni e sentimenti.

Giudizio:
 #ElenaWinchester